Friday, March 8, 2013


Left to Right: Alessandro, Americo, Delia, Sabatino, Maria Grazia, Elde Taylor, Elder Carr, Flavia, Laura, Antonio
Sister Scherbel, Vanessa, Elder Scherbel, Nadia

We were basking in the wonderful aftermath of Flavia’s baptism. Since the Steuer’s would be bringing Favia’s friend, Laura, and her husband, Antonio down from Rome, a three plus hour trip, and since it was going to be Fast Sunday the next day, we thought it would be a great idea to invite the Steuer’s and Laura and Antonio to our house for lunch before the baptism on Saturday. We also wanted to get to know Flavia’s family better, so we decided to invite them also. Flavia invited quite a few people to her baptism, and several accepted. In the end, Her Aunt, Delia, and her Uncle, Sabatino, her cousin Americo, and her grandmother, Maria Grazia, came. This was no surprise, since Flavia lives with all of them and we had met all except Sabatino before at their home. In addition, her mother, Nadia, and sister, Vanessa, also came. So did a friend from Milano, Alessandro, who is also from Avellino , but works in Milano, where Flavia was in the hospital. Apparently, they became close friends while she was receiving treatments there. So, counting the Elders and us, there were sixteen people in our apartment for lunch on Saturday.
Sister Steuer and Sister Scherbel

Sabatino and Delia with her Caprese cake to the right
Sister Scherbel had made some tetrazzini and some spaghetti alla primavera. (Because of her bout with leukemia,  Flavia isn’t allowed to eat meat or mushrooms, so Sister Scherbel made her some pasta primavera.) We also had potato salad and bean salad alla Americana and broccoli (Like zucchini, broccoli is an Italian word and very popular here.). For dessert, Sister Scherbel had made lemon bars (the biggest hit) and melt-away cookies (also a hit). Sister Steuer brought some killer chocolate chip cookies (lots of brown sugar) and brownies. Delia brought a cake called “Caprese” (from the island of Capri) which was a chocolate cake with almonds and hazelnuts. She covered it with powdered sugar in which was written the word “Caprese.” This cake was amazing also. The fresh hazelnuts gave it kind of a woodsy, wild taste. It was delicious. We drank water, mineral water, Sprite, and a red-orange flavored drink that I like. All in all it was really fun. We did make the mistake of having only one size plate, so they had to put their tetrazzini on the same plate as their salads. This is a definite no-no in Italy. We didn’t realize the problem until everyone had filled their plates. We could have easily had them use two plates, but we neglected that particular instruction. So, not perfect, but very memorable. The interaction among everyone which we had hoped for was wonderful. And, although it was a tiny bit crowded, our apartment handled the sixteen people quite well.
Laura and Flavia with Vanessa in the backgrond to the left.
We then walked over to the church for Flavia’s baptism. Before the actual meeting started, they had a photo session (Video below - the precious D'Andolfo children are especially fun to watch). There must have been forty or more people. Sister Scherbel counted nineteen non-members. It was so perfect. Flavia was baptized by President Marco D’Andolfo.
 Ivan Sapio had given a talk on baptism; I had spoken on the Gift of the Holy Ghost (attached, for those of you who want to see a bit of Italian), and the three D’Andolfo children sang “I Am a Child of God” (“Sono un figlio di Dio”). Ivan and the Elders had put together a wonderful program, so it was a perfect baptism.

Our little baptismal font after the Elders
prepared it so nicely.
Flavia's Program - Outside
Flavia's Program - Inside
The Steuer’s stayed with us and Laura and Antonio stayed with Flavia’s family. On Sunday, all of Flavia’s family returned from Avellino in time for Sacrament Meeting and her receiving the Gift of the Holy Ghost. Flavia had asked brother Francesco Mondelli to confirm her a member of the Church and give her the gift of the Holy Ghost, and he had basically prepared nearly all week for that occasion.

Luncheon I

Luncheon II
After Fast and Testimony meeting, the Relief Society had organized another luncheon with several people bringing different kinds of food. It was more than delicious. Sister D'Elia brought fusili (like taglitelli rolled up into little springs) made by hand the night before.) Most of those attending the meeting stayed.

So, as I said we (Sister Scherbel and I) were sitting in the Chapel basking in the wonderful aftermath of Flavia’s baptism, waiting for Sacrament Meeting to start.

Just as the meeting was about to start, the Branch President beckoned to us to come up to his office. As we entered, we saw him and President Paolo D’Apuzzo, First Counselor in the District Presidency, standing in the office. We entered and President D’Apuzzo basically said, “We have decided to make a change in the Branch Presidency and we would like to ask you to be Branch President.” That was it. I was absolutely shocked. My first reaction was to say, “You must be joking!” (In fact, I may have actually said something like that in English sort of under my breath.) I looked at President D’Andolfo to see his reaction, and he didn’t seem surprised or sad. I hesitated a moment or two and then said something like, well, I always accept any calling I receive, and that was it. I was stunned. I had just remarked to the Steuer’s how nice it was to be clear down here in Battipaglia with no challenging responsabilities and not in the office in Rome where they had to be in the office at a certain time every day and be as busy as can be. Sister Steuer really laughed when she reminded me what I had said just the night before.

So, I now have a new calling. I have never felt so overwhelmed. My Italian is passable at best. I love hearing Italians pray, teach and give talks in Church in their perfect Italian. It is such a beautiful language when spoken well. It is not nearly as beautiful when I try to speak.

Since it was Fast Sunday, President D’Andolfo bore a wonderful testimony. He then read a letter he had received from a young boy named Paolo who is not a member of the Church, but who comes with his grandmother each week. Then, Flavia bore her testimony – it was terrific as you can imagine. Sister D’Andolfo, the best teacher in the Church, bore her testimony – also amazing. Elder Taylor bore his testimony – full of enthusiasm as you would expect from an outstanding junior missionary. Brother Mondelli bore a beautiful testimony as well. It was about time for the meeting to end, but President D’Andolfo leaned over and said I should probably say something (I was sitting beside him on the stand by then still a little dazed). I then bore my testimony and President D’Apuzzo concluded. I was still stunned. I couldn’t believe this was happening. I had so many plans to help President D’Andolfo as his counselor or something. I am definitely out of the frying pan and into the fire.

Our poor little lawn mower...
It is now Thursday. This week, in addition to some missionary work, we have let workers into the chapel each day as they repair sixty-nine odds and ends in the building. They are doing a good job and the church is looking very nice inside. Since spring is basically here, the lawn is growing quickly and needs mowing. I found we have an old broken down lawn mower that needs to get fixed. (See Sister Scherbel’s blog about running into Gino Carullo.) I find out that we are having trouble with our current Landlord and are actively looking for a new building. (Yikes! I love the building we are in.) I have submitted my ideas for re-organizing our Branch leadership to President Lord. We meet with him on Friday to see what he recommends. We have also discovered that the church doesn’t get trash picked up. We suspect that we or our landlord have not been paying the necessary fees to the community. We are now getting to know some of the people at city hall.
Setting up for the Party with Alfredo and Sabrina

Alfredo is ecstatic about the Salerno pizzas - they were really good!
Jonathan, Fausto  Maria and Antonio
(Fausto's cousin) enjoying being together.
Last night we went back to Alfredo Filippella’s home in Salerno to celebrate his birthday. He had also invited the D’Andolfo and Mondelli families. We had such a great time. He ordered pizzas for all of us (15). Sister Scherbel brought some of her famous brownies and Alfredo had ordered a kind of cheese cake like dessert made from whipped ricotta and pears. It was delicious as was everything else.

One of our members, Giusi Cossu, just happened to know a man who has his own INR machine. He gave me a pro-time test this afternoon and my blood is just about where it should be. I was worried how I would get these tests done. That one was way too simple. Just one more in a long line of tender mercies.

The Lord continues to bless us here in Battipaglia. Life is never boring. We love our mission.


My Talk on the Holy Ghost as corrected by Ivan Sapio:
Matteo 7: 7-11 Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete; picchiate e vi sarà aperto; perchè chiunque chiede receve; chi cerca trova, e sarà aperto a chi picchia. E qual’ è l’uomo fra voi, il quale, se il figliuolo gli chiede un pane gli dia una pietra? Oppure se gli chiede un pesce gli dia un serpente? Se dunque voi che siete malvagi, sapete dar buoni doni ai vostri figliuoli, quanto più il Padre vostro che è ne’ cieli darà Egli cose buone a coloro che gliele domandano!

Giovanni 3: 16 Poichè Iddio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figliuolo, affinchè chiunque crede in lui non perisca, ma abbia via eterna.
Pensando a questo discorso che dovevo preparare, cercavo un simbolo per aiutarmi a dimostrare lo Spirito Santo. Finalmente ho pensato al nostro navigatore che usiamo spesso quando dobbiamo andare in macchina in qualche posto nuovo. Di fatti, nelle ultime 4 settimane, abbiamo visto molti posti nuovi. Il nostro navigatore ci ha salvato parecchie volte. Non so se avete avuto delle esperienze con questa tecnologia. C'è qualcuno che usa il navigatore in macchina? Avete almeno sentito di questa tecnologia? Andando in macchina ieri, ho registrato la voce del nostro navigatore; veramente, siccome è una voce femminile, dovrei dire navigatrice. Sentite la nostra navigatrice. Mi piace molto quando dice: "Ricalcolo", indicando che abbiamo sbagliato.

Non sarebbe meraviglioso se ci fosse una voce che ci guida sulla strada della nostra vita e ci indica in quale direzione andare? Infatti Dio ci ha dato proprio questo - un navigatore che ci guiderà se ascoltiamo la sua voce. Si chiama lo Spirito Santo. Imagino che quando sbagliamo, lui pensi, “Ricalcolo.”

Nel 1842,il profeta,Joseph Smith scrisse una lettera in cui è incluso un breve elenco dei principi in cui crediamo come la chiesa di Gesu Cristo dei Santi degli Ultimi Giorni.Questo elendo di principi è stato chiamato "Articoli di Fede".I primi quattro sono:

1.       Noi crediamo in Dio, il Padre Eterno, e in Suo Figlio Gesu Cristo e nello Spirito Santo.

2.       Noi crediamo che gli uomini saranno puniti per I loro propri peccati e non per la trasgressione di Adamo.

3.       Noi crediamo che tramite l’espiazione di Cristo tutta l’umanita puo essere salvata, mediante l’obbedienza alle leggi e alle ordinanze del Vangelo.

4.       Noi crediamo che I primi principi e le prime ordinanze del Vangelo sono:  primo, la fede in Gesu Cristo; secondo, il pentimento; terzo, il battesimo per immersion per la remissione dei peccati; quarto, l’imposizione delle mani per il dono dello Spirito Santo.

Oggi voglio parlare dello spirito santo e in particolare del dono di quest'ultimo.

Vediamo, il primo articolo di fede dice: Noi crediamo in Dio, il Padre Eterno, e in Suo Figlio Gesù Cristo e nello Spirito Santo. Crediamo che essi sono tre esseri distinti. Dio, il nostro Padre Celeste è letteralmente il padre di Gesù Cristo ed è il padre dei nostri spiriti come è scritto nel dodicesimo capitolo dell’Epistola di Paolo agli Ebrei. Crediamo anche che Gesù Cristo, dopo la sua risurrezione, ha mantenuto il suo corpo di carne ed ossa. E quando Gesu Cristo disse a Filippo, come è scritto nel quattordicesimo capitolo del Vangelo secondo Giovanni, “Chi ha veduto me, ha veduto il Padre,” crediamo che anche il nostro Padre Celeste ha un corpo di carne ed ossa. Pero, lo Spirito Santo è un personaggio di spirito. Come dice il Profeta Joseph Smith nella sezione 130 della Dottrina e Alleanze della Chiesa, “Il Padre ha un corpo di carne ed ossa, tanto tangibile quanto quello dell’uomo; il Figlio pure; ma lo Spirito Santo non ha un corpo di carne e ossa, ma è un personaggio di Spirito. Se non fosse cosi, lo Spirito Santo non potrebbe dimorare in noi.”

Probabilmente tutti voi avete già avuto esperienze con lo Spirito Santo. Lo Spirito Santo non parla all'orecchio, ma parla al cuore. Forse vi siete chiesti se Dio esiste realmente. Se avete sentito una rassicurazione nel vostro cuore che Dio veramente esiste, era lo Spirito Santo che vi faceva provare questo sentimento. 

È anche possibile che avete avuto qualche altra domanda importante durante la vostra vita, come “Dovrei sposarmi con questa persona?” oppure, “Che cosa voglio fare nella mia vita? Quale carriera sarà giusta per me?” Se vi siete sentiti guidare da una forza interna e spirituale, probabilmente è stato lo Spirito Santo .  Tante volte ci riferiamo a questa voce interna dicendo che è la nostra coscienza. E' sempre interessante per me pensare siamo posti davanti alle decisioni piu importanti della nostra vita  quando siamo giovani. Decisioni come:  Con chi mi sposero? o Che cosa devo studiare?, o Dove voglio vivere?  Di solito, tutte queste domande di solito ce le troviamo davanti verso i venticinque anni.  È molto meglio prendere decisioni  importanti con l’aiuto dello Spirito Santo che decidendo da soli cosa sia giusto fare.

Voglio paragonare la nostra vita a questo metro. Infatti, non è precisamente un metro, ma una misura di 100 centimetri. Mettiamo che ognuno di noi vivrà almeno cento anni – uguale a tutta la longezza di questo metro. Tagliamo, allora, la parte già vissuta. Per Jonathan tagliamo solo 9 centimentri. Per Americo, tagliamo 10 centimetri.  Per Flavia togliamo 21 centimetri. Per me, un po’ di più – 65 centimetri. Non possiamo cambiare il passato, cosi la parte tagliata e già finita. Pero, abbiamo ancora tutto il resto della nostra vita in cui possiamo scegliere la via che vogliamo prendere.

Ho trovato un altro simbolo dello Spirito – una bussola. Secondo il dizionario una bussola è: “costituita da un ago calamitato libero di ruotare su un piano orizzontale, che segna con la punta la direzione del nord magnetico.” Si può girare una bussole in ogni direzione, e indichirà sempre la direzione nord. Quando Marco Polo stave in Cina, scopriva un tipo di pietra chiamata magnetite che è di natura magnetico e sospesa con minima attrito indica sempre la direzione nord.

Lo Spirito Santo agisce in maniera simile. Ci dirige sempre sulla strada giusta. Non importa dove siamo sulla strada della nostra vita, lo Spirito Santo ci indicherà la strada giusta. E' interessante considerare che il "Nord" è simile per ogni persona, ma  non precisamente uguale. In generale, i comandamenti sono gli stessi per tutti come i Dieci Comandamenti, i comandamenti di amare Dio e il nostro prossimo e il comandamento di rispettare la parola di saggezza.Pperò le risposte a domande come: cosa dovrò  studiare e chi dovrò sposare, sono differenti per ogni persona. in questo senso, lo Spirito Santo è molto più utile di una semplice bussola.

Cercando una bussola che potevo regale a Flavia come ricordo del suo battesimo, ho trovato una bussola un po più complessa di una bussola normale Prima di tutto, è gialla. Questo colore mi fa pensare al sole e alla luce del sole che riceviamo ogni giorno. E' simbolo della luce che riceviamo ogni giorno dallo Spirito Santo. A questa bussola c'è anche attaccata una lente d'ingrandimento: questa simboleggia lo Spirito che ci aiuta a vedere le cose più chiaramente. Quando non è chiaro come dobbiamo agire, lo Spirito ci aiuta a chiarire i nostri pensieri.

Questa bussola ha anche un fischietto, questo simboleggia pericolo. Quando siamo in pericolo, se agiamo in un certo modo, lo Spirito ci griderà avvisandoci di fermarci e di non continuare in quella direzione.

Non abbiamo finito. Questa bussola ha anche un termomentro che può simboleggiare molte cose. Per me significa tranquillità, benessere e conforto. Ci indica la temperatura della vita e così sappiamo come prepararci. Se ci troveremo in un posto spiritualmente freddo, sappiamo che dobbiamo portare il nostro mantello spirituale per protezione. Se saremo in un posto spiritualmente caldo come in chiesa oppure al Tempio, possiamo stare senza mantello con maniche corte e gioire nel calore dello Spirito.

Adesso voglio dare questa bussola a Flavia per aiutarla a ricordare alcune delle benedizioni che riceverà e che ha già ricevuto dallo Spirito Santo.


Voglio chiarire un punto in più riguardo lo Spirito Santo. Qual è la differenza fra lo Spirito Santo e il dono di quest'ultimo. Prima del battesimo e della confermazione una persona può sentire i sentimenti o i suggerimenti dello Spirito Santo. Come abbiamo detto prima, normalmente chiamiamo questo "Coscienza". Quando invece cerchiamo la verità con sincerità, ad esempio quando preghiamo per conoscere la verità, lo Spirito ci confermerà la verità e sentiremo nel nostro cuore la risposta. Dopo che una persona viene battezzata riceve la confermazione. In quel momento, alcuni detentori del Sacerdozio di Melchisedec porranno le mani sul capo della persona confermandola membro della Chiesa di Gesù Cristo dei Santi degli ultimmi Giorni e diranno: "Ricevi lo Spirito Santo". Da quel momento in poi, questa persona avrà per tutta la sua vita la compagnia dello Spirito. Sarà suo compagno, il suo collega e il suo amico; in ogni situazione, in ogni posto, in ogni pensiero, lo Spirito sarà vicino per dare l'aiuto necessario.

Io so che lo Spirito Santo ci guida. Mi ha guidato tante volte durante la mia vita. Mi ha aiutato a sapere chi sposare, dove vivere, che cosa studiare, quando iniziare la nostra famiglia e quando venire in missione. Credo che lo Spirito Santo abbia guidato gli apostoli a chiamarci nella Missione Italiana di Roma e ha guidato Presidente Kelly a mandarci qui a Battipaglia. Sono molto grato per lo Spirito Santo e per le innumerevoli benedizioni che ho ricevuto nella mia vita. Spero che Flavia continuerà a ricevere ispirazione dallo Spirito Santo durante tutta la sua vita.



No comments:

Post a Comment